Campionato U18 – Esordio amaro contro i Grizzlies

Esordio amaro degli Angels nel campo di casa.

È stato un battesimo del nuovo campo al Caprilino che lascia gli Angels dell`under 18 con un po` di rammarico quello che si è svolto sabato 20 Ottobre contro i campioni romani dei Grizzlies.

Gli Angels sono partiti troppo spenti perdendo punti importanti all`inizio che, anche con un esaltante seconda parte della gara, non sono riusciti a colmare, anche se sono arrivati a soli 3 punti dagli avversari sul finale.

È stata comunque una bella partita quella per il secondo posto del girone terminata alla fine 33-24 per i romani.

Gli Angels, ancora privi di qualche pedina importante, hanno cominciato la partita ancora un po` addormentati, e sono stati costretti ad inseguire colpo su colpo i touch down dei Grizzlies.

Nel secondo quarto già la squadra reagiva bene e chiudeva il primo tempo sotto di 8 punti.

Nell’intervallo coach Moscatelli dà la carica ai suoi che entrano in campo più determinati. La difesa mette a segno alcune buone giocate, in evidenza il capitano Giovanni Garofalo, Emanuele Verni, Tommaso Maltoni e Cesare Leonardi che con i loro placcaggi hanno fermato l`attacco romano in più di un`occasione. In linea grande lavoro di Erik Valeri, alle sue prime esperienze coadiuvato dal veterano Riccardo Valentini, nonostante la stanchezza del doppio ruolo. Da notare i bei placcaggi del rookie Toni Matteo e il bel fumble recuperato da Cesare Morelli.

L`attacco ha mostrato una maggiore costanza durante la partita rispondendo colpo su colpo alle segnature dei Grizzlies. Purtroppo l`ultimo drive a -3 dai romani che avrebbe potuto segnare il sorpasso definitivo, non riesce all`attacco bianco blu che esce dal campo lasciando la palla agli avversari che poi allungheranno il loro vantaggio a 9 punti con l`ultima segnatura della partita a meno di 2 minuti dalla fine.

Il problema del nostro attacco“, commenta Alessandro Angeloni, Offensive Coordinator, “non sono le prestazioni degli atleti, che sono state invece fenomenali in certi frangenti. Purtroppo è l`inesperienza il nostro più grande nemico, alcuni piccoli errori individuali fanno inceppare i delicati meccanismi dell`attacco, ma i ragazzi hanno la mentalità giusta e sono sicuro che nel girone di ritorno le cose cambieranno, abbiamo dimostrato di poter tenere testa a tutti.

Ottima prova del Quarterback tornato in cabina di regia Nicola Cecchini che ha trovato con i ricevitori delle buone giocate. Tre dei quattro TD segnati dagli Angels vengono da connessioni aeree, la prima con Diego Marinelli, un`altro esordiente autore di una bella ricezione terminata in meta dopo una lunga galoppata, poi è stata la volta di Alex Bianchini che leggermente infortunato ha stretto i denti segnando anch`egli su un lungo lancio. Infine l`ultimo di Emanuele Verni che ha ricevuto una traccia esterna e si è buttato poi in end zone. Il terzo TD è stata una corsa devastante di Tommaso Maltoni che ha tagliato in due la difesa seguendo gli ottimi blocchi della linea d`attacco e del Fullback. “La linea oggi ha alternato buone giocate con errori di assegnamento” le parole di Jacopo Cortesia, assistente per le linee, “all’inizio abbiamo faticato ad adattarci ai loro cambiamenti del fronte difensivo ma quando abbiamo trovato il bandolo della matassa siamo riusciti a bloccarli bene e a correre ottimamente“.

Anche l`altro Running back Daniel Zamfir ha fatto vedere ottime corse ottenendo buoni guadagni.

Purtroppo oggi potevamo vincere“, è il commento dell`head coach “Pippi” Moscatelli, “se fossimo entrati più determinati dall’inizio il risultato sarebbe potuto concludersi a nostro favore. Siamo comunque molto soddisfatti, loro sono un`ottima squadra, vincitori dello scorso anno hanno parecchi bravi giocatori. Inoltre abbiamo visto un grande carattere ed un grande cuore nei nostri ragazzi che hanno reagito e hanno rimontato fino ad arrivare a poter vincere questa partita.

Ora un turno di riposo attende i Ranocchi Angels che metteranno a punto gli schemi per il girone di ritorno che riprenderà domenica 4 novembre alle 14 al campo Caprilino di via Gagarin contro i Ravens di Imola.

U18_Angels_vs_Grizzlies
[foto R. Verni]

Marines Lazio vincono sui Ranocchi Angels Pesaro

L’incontro di Sabato 13 ottobre a Ostia contro i Marines si preannunciava molto duro per i Pesaresi, che si presentavano in formazione ridotta senza Verni, Cecchini, Serafini e Bardeggia infortunatosi lo scontro precedente durante l’esordio vittorioso contro i Ravens.

Al loro primo incontro i Marines hanno strapazzato i campioni in carica dei Grizzlies nel derby romano con un sonoro 26-0, affermandosi prepotentemente come una delle pretendenti al titolo nazionale under18.

Con Alex Bianchini schierato in cabina di regia, ci si aspettava una partita di contenimento da parte degli Angels che invece hanno lasciato gli avversari a bocca aperta conducendo una gara a viso aperto e giocando con molta grinta e generosità.

Infatti partono subito forte i Pesaresi che conducono la palla da subito fino in meta con Cesare Leonardì che si invola in corsa oltre la goal line dopo un drive magistralmente condotto dal quarterback Bianchini. Gli Ostiensi ancora si devono svegliare e la difesa, guidata da Giovanni Garofalo, stronca le iniziative offensive avversarie ridando la palla all’attacco.

Bianchini non si fa pregare, e dopo alcune belle corse del running back Maltoni, infila un lungo lancio per Leonardi che si invola fino al touch down per la sua seconda meta.

Pucci trasforma il calcio e si va sul 13-0 ancora al primo quarto di gioco.

Arriva l’attesa reazione dei Marines che riescono a segnare, ma l’attacco degli Angels contraccambia subito e riporta di nuovo in meta l’ovale con una lunga corsa di Maltoni che taglia il campo in due e porta il risultato sul 19-6. Il calcio addizionale di Pucci fa segnare nel tabellone 20-6.

I Marines rispondono ancora al colpo e riescono a segnare prima dello scadere del primo tempo andando a riposo sul punteggio di 20-12 per i pesaresi.

Durante l’intervallo i romani mettono a punto gli opportuni aggiustamenti e rientrano in campo molto più motivati. D’altra parte i pesaresi, con un roster molto più corto, iniziano a risentire della stanchezza e, al loro rientro in campo, commettono una serie di errori che causano prima la rimonta e poi il sorpasso dei Marines.

La partita si chiude alla fine 34-20, gli Angels escono esausti, ma a testa alta da uno dei campi più difficili del campionato, consapevoli di aver tenuto testa ad una delle squadre più forti senza il loro quarterback titolare, comunque sostituito egregiamente da Bianchini, ed altre assenze importanti tra cui Filippelli infortunatosi ad una mano durante il riscaldamento.

I ragazzi ci hanno sorpreso, così come hanno sorpreso i Marines”, commenta con soddisfazione Andrea Angeloni, assistente dell’attacco, “hanno giocato con un’intensità incredibile e si sono guadagnati il rispetto degli avversari nonostante siano una squadra così forte ed esperta, mentre noi siamo ancora alle prime armi”. Pietro Ruggeri, allenatore della difesa, ha ricoperto anche il ruolo di capo allenatore per questa partita, “Insieme ad Alessandro Angeloni abbiamo studiato molto bene l’attacco e la difesa dei Marines preparandoci a sorprenderli e ad annullare le loro iniziative. Per tutto il primo tempo ci siamo riusciti egregiamente, ma nel secondo tempo, complice anche la stanchezza di alcuni nostri atleti costretti a fare il doppio ruolo, i Marines, da grande squadra quale sono, hanno introdotto gli aggiustamenti giusti e hanno vinto. Nonostante questo sono molto soddisfatto dei ragazzi che hanno lottato come dei leoni e ci aspettiamo un’altra battaglia alla pari per il ritorno.

Sabato 20 ottobre avrà luogo l’esordio casalingo degli Angels che ospiteranno alle 15 nel loro campo in via Gagarin i campioni in carica dei Grizzlies.

Scarica le statistiche dell`incontro.

Ranocchi Angels U18 +1 @ Ravens Imola

Partono con il piede giusto i giovani Angeli pesaresi che per il secondo anno consecutivo espugnano di un punto il campo dei Ravens di Imola.

Sotto un sole cocente gli Angels di coach Pippi Moscatelli esordiscono nel campionato High School nazionale di Football Americano riservato agli under 18 con una vittoria sofferta, ma meritata.
Iniziano forte i pesaresi con un drive perfetto, alternando corse e lanci e terminando in meta con una precisa connessione area di Nicola Cecchini, in cabina di regia, e Alex Bianchini. Il primo calcio viene fallito e il punteggio viene fissato sul 6-0. La reazione dei Ravens è blanda e per un lungo periodo le squadre si studiano e le difese la fanno da padrona.  All’inizio del secondo tempo il punteggio si sblocca, direttamente sul kick off che dà inizio alle ostilità, gli Angels calciano e i Ravens, dopo un ritorno rocambolesco, si fanno tutto il campo pareggiando i conti delle mete. La trasformazione da due punti viene fallita e si va sul 6-6.
Gli Angels reagiscono e dopo una serie di giochi ben eseguiti riescono a portarsi a ridosso della Goal line avversaria che poi varcano con un lancio sull’ottimo Emanuele Verni, lasciato solo al centro dell’End Zone.
Questa volta Francesco Pucci non fallisce l’importantissimo calcio che porta il risultato sul 13-6.

Il finale vede gli Angels calare di intensità e i Ravens farsi sotto e non demordere. Con un bel lancio lungo, la formazione di Imola riesce a sorprendere la retroguardia Pesarese, ma il tentativo di trasformazione da due punti viene ancora una volta fermata ottimamente dalla difesa biancoblu: 13-12 per gli Angels.
I Ravens continuano a premere sull’acceleratore per il sorpasso cercando di sfruttare il loro buon momento e una palla persa dagli Angels sembra fornirgli una buona occasione. Gli emiliani riescono anche a segnare, ma l’azione è viziata da un fallo d’ingenuità che nega alla squadra di Imola i 6 punti che li porterebbero in vantaggio.
Lo shock risveglia gli Angels, che prima con una granitica difesa, e poi con un attacco determinato, non consente più nulla agli avversari. La partita termina con gli Angels in zona d’attacco che si inginocchiano per lasciare sfilare gli ultimi secondi.

Una vittoria molto importante”, è il commento a caldo di Coach “Pippi”, “che premia l’impegno di questi ragazzi e il lavoro svolto durante gli allenamenti. E’ stata una grossa soddisfazione vedere come questo gruppo è cresciuto in questi mesi”.
Ottima la prova della difesa, che concede poco all’attacco avversario, sugli scudi Giovanni Garofalo e Francesco Pucci, al suo esordio.  Buona comunque la prestazione di tutti, per molti di loro la prima partita in assoluto.
L’attacco, che ha comunque un tempo di rodaggio maggiore, ha fatto vedere delle ottime giocate, ma le numerose palle perse non hanno permesso una maggiore continuità.
Sabato 13 ottobre gli Angels partiranno per la difficile trasferta a Ostia contro i Marines, squadra molto forte, sicuramente tra le pretendenti al titolo nazionale.
Oggi abbiamo fatto molti errori, ma alla fine abbiamo meritato la vittoria” chiude Alessandro Angeloni, allenatore dell’attacco, “dobbiamo lavorare molto per migliorare altrimenti contro i Marines sarà molto dura. Abbiamo fiducia in questi ragazzi che hanno dato prova di ottime potenzialità”.

Angels U18 2012 @Ravens