Ranocchi UTA campioni, il sogno è realtà: promossi in A1

9 luglio 2016, una data che resterà storica. Stadio Manuzzi di Cesena, un campo che rimarrà per sempre nel cuore di chi ama il football americano. Dentro quest’arena, in un pomeriggio torrido, i Ranocchi Uta hanno trovato dentro di loro le risorse per un’altra partita straordinaria che completa così la perfect-season della truppa di coach Sclafani. Una stagione senza sconfitte, dall’inizio fino all’ultima, meritata, impresa contro i Barbari Roma (23-13) che regala la serie A1.

campioni
“Sono dieci anni che sogno questo giorno e finalmente è arrivato” dice un emozionato Frank Fabbri. Che a questo sport ha dato tutto sé stesso: prima come giocatore, quindi come presidente, rimettendo in vita una disciplina che oggi schiera in campo nuovi talenti (arrivati anche in Nazionale) e veterani immarcescibili. Come Alessandro Angeloni, che a 44 anni e con i legamenti crociati da operare, ha saputo far prevalere l’adrenalina sul dolore, segnando due dei tre touch-down che hanno schiantato gli avversari: “Questo gruppo si merita tutto, ha saputo fondersi in una vera squadra” dice.

promossi
La storia è nota: Angels Pesaro e Titans Forlì hanno unito le forze ad inizio stagione e costituito una super squadra capace di asfaltare tutto ciò che si trovava davanti. Fino all’ultimo atto. Il primo tempo era stata già una sentenza: 14-0, con Matteo Spada che taglia a fette la difesa capitolina. Qualche brivido solo nell’ultimo quarto, quando la difesa impenetrabile preparata da Pietro Ruggeri si fa sorprendere un paio di volte. Ma è solo l’orgoglio ferito dei Barbari, che nulla può contro la superiorità tecnica e caratteriale degli UTA. Finisce in gloria, coi giocatori che alzano al cielo la coppa del Silverbowl, i primi della classe in A2, mentre già entrano i campo Rhinos Milano e Giants Bolzano che si sfideranno poco dopo per il titolo della Ifl. Il prossimo anno, però, il palcoscenico sarà questo anche per gli Uta.

L’Ufficio stampa
Elisabetta Ferri

Silverbowl per la serie A, domani a Cesena le grandi speranze dei Ranocchi UTA

Una truppa composta di 76 persone fra giocatori, allenatori, dirigenti, medici, fisioterapisti, scorers, fotografi, addetti alla logistica. Supportati da almeno 600 tifosi che hanno già il biglietto dell Silverbowl in tasca.

Silverbowl 2016

Così si prepara a partire, col cuore in tumulto, la carovana per Cesena dove domani alle 15:30, sul terreno dello stadio Manuzzi, i Ranocchi Uta scenderanno in campo per contendere la serie A ai Barbari Roma: “L’eccitazione è al top – ammette il presidente Frank Fabbri – è un giorno che attendiamo da un anno. L’atmosfera è elettrica”. Recuperati tutti gli infortunati, coach Sclafani si presenta all’appuntamento più importante col roster al completo: “Conterà molto l’aspetto emozionale perché a livello tattico sappiamo quello che dobbiamo fare, il piano partita è stato sviscerato nei dettagli”.

Silverbowl

Il Silverbowl, cioè la finale di A2, precede di qualche ora la sfida per lo scudetto della Ifl, il palcoscenico su cui sperano di essere Angeloni e compagni la prossima stagione. Che sia di buon auspicio.

L’Ufficio stampa

UTA al Silverbowl contro i Barbari Roma Nord

Correre per un’intera stagione con un obiettivo e riuscire a centrarlo è una soddisfazione impagabile. Così si può solo immaginare quanto orgoglio ci sia dentro la truppa dei Ranocchi Uta che sabato sera ha sbancato il campo degli Hogs Reggio Emilia in semifinale (30-17 il risultato), conquistando il diritto a giocarsi il Silverbowl che mette in palio la promozione in prima divisione.

silverbowl

L’ultimo avversario che si para davanti al grande sogno saranno i Barbari Roma nord, il campo quello di Cesena, la data il 9 luglio. Con queste informazioni, coach Francesco Sclafani si rimette al lavoro per preparare la sua squadra al giorno più importante: “E’ qui che volevamo arrivare e ci siamo arrivati. Non abbiamo paura di nessuno” dice. Intanto gli Uta possono vantarsi di aver fatto secchi i favoriti Hogs, che non perdevano da 20 gare consecutive.

Silverbowl

Eroe della serata Spada, inarrestabile per la difesa di Reggio Emilia, mentre difesa ha tenuto sotto media il miglior attacco del campionato di A2. Una finale più che meritata.

L’ufficio stampa