Uta of the week: Alessandro Angeloni

Scheda giocatore

Nome e Cognome Alessandro Angeloni
Soprannome Il tempo dei soprannomi è finito!
Data di nascita 30/07/1971
Ruolo negli UTA Giocatore, Allenatore, Dirigente
Ruolo Attuale Runningback
Numero di maglia 22
Altezza / Peso 172 / 85
Città di provenienza Pesaro
Professione Consulente
Anni di esperienza nel football 30

Storia e intervista

alessandro angeloniIn quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Angels Pesaro, marlins Rimini, phoenix San Lazzaro, dolphins Ancona, Bristol Bullets, Bristol Aztec, Warriors Bologna

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Con degli amici d’infanzia

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Mi ha insegnato cosa vuol dire fare parte di una squadra

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Superbowl 1997, winter league 2007, superbowl II divisione 2016. Qualche convocazione in nazionale e una finale (persa) di coppa dei campioni. Detengo ancora il record di yards totali corse per un italiano in un campionato di I divisione (manco ne sapevo niente fino poco fa)

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Difficile scegliere. La finale del 2016 a 45 anni è sicuramente stata una delle più belle.

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
Dare sempre il massimo

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Aiutare la squadra e far crescere il reparto runningbacks

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Le amicizie che si sono create

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Mi ha arricchito molto e mi ha distrutto fisicamente

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Rispetto sempre i miei avversari. Quindi nessun problema per me

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
200km

 

Riccardo Valentini UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Riccardo Valentini
Soprannome Rickyshi
Data di nascita 18/07/1995
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Defensive Line
Numero di maglia 5
Altezza / Peso 185 / 95
Città di provenienza Pesaro
Professione Operaio
Anni di esperienza nel football 6

RIccardo ValentiniStoria e intervista

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Angels

Quando e come ti sei avvicinato al football?
2011 tramite amici

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Sono passato da giocare offensive tackle a defensive end per la perdita di peso e se continuo cosi ho paura dovrò giocare cornerback

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Aver vinto il la seconda divisione

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Dopo il silverbowl direi Hogs-UTA, si vedeva proprio la voglia di vincere di tutta la squadra e la soddisfazione a fine partita di dire ce l abbiamo fatta

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Riuscire a combinare qualche sack o qualcosa di utile per la squadra

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Nelle relazioni, mi ha abituato a stare bene in gruppo con tutti

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Molto bello ed entusiasmante, un unione azzeccata quasi come se fossero destinate a stare insieme

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Abbastanza

 

Gianluca Renzi UTA of the week

Scheda giocatore

Nome Gianluca
Cognome Renzi
Soprannome GP
Data di nascita 16/01/1971
Ruolo negli UTA Giocatore, Allenatore
Ruolo Attuale Offensive line
Numero di maglia 61
Altezza 180
Peso 125
Città di provenienza Imola
Professione Software Developer
Anni di esperienza nel football 25

Storia e intervista

Gianluca Renzi

Gianluca Renzi

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Cobra Imola Serie B e C (1986-1989), Towers Bologna Serie A 1989-1992, Chiefs Ravenna Serie A 1993-1994, Phoenix Bologna Serie A 1995-1998, Aquile Ferrara Serie A2 1999-2004, Warriors Bologna Serie A1 2005-2015, Aquile Ferrara 2016, U.T.A. 2017

Quando e come ti sei avvicinato al football?
nel 1983 con alcuni amici

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
“All-Star Game 1993, 1994 e 1995. Nazionale Blue Team 1993, 1995 e 1997. Convocato per i Mondiali nel 1999 ma ho declinato per motivi personali. Finalista nel campionato Italiano Serie A 1996, 1997, 2005 e 2011 (vinti due SuperBowl). Finalista nel campionato Italiano Serie A2 1999, 2001, 2002, 2003 (vinti due Silver Bowl). Finalista per la medaglia d’oro nel 1993 a Telgate contro la Finlandia e nel 1995 sempre contro la Finlandia in Austria. Finalista per la medaglia di bronzo contro l’Inghilterra nel 1997.
Ho giocato un semestre in America nel college di Div.III Wisconsin WhiteWater as redshirt walk-on con borsa di studio accademica.”

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
tra settembre e dicembre in palestra per il potenziamento e durante il campionato per i massimali.

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
cercare di raggiungere i playoff. Sono alla nostra portata.

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
troppe cose da dire in 31 anni

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
non so rispondere. Gioco a Football da quando avevo 12 anni… Non so cosa mi sono perso non giocando.

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
troppa

Mattia Gualandi UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Mattia Gualandi
Soprannome Guala
Data di nascita 10/03/1992
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Receiver/Tight End
Numero di maglia 19
Altezza / Peso 186 / 80
Città di provenienza Bologna
Professione Studente
Anni di esperienza nel football 10

Storia e intervista

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Warriors Bologna, Dives Bologna, Ravens Imola, Titans Romagna

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Presentazione dello sport a scuola da parte dei Doves Bologna nel 2007

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Inizialmente giocavo quarterback, poi ho voluto provare ricevitore al mio ultimo anno di under18. Mi trovai molto bene fin da subito in questo ruolo. Negli anni ho avuto la fortuna di far parte del Blue Team junior, prima, e del Blue Team senior poi. Con i Ravens Imola abbiamo vinto nel 2012 il campionato di under21 e nel 2016 con gli UTA abbiamo vinto il titolo di seconda divisione.

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Ho giocato nel Blue Team junior e senior. Ho inoltre vinto nel 2012 coi Ravens Imola il campionato under21 e con gli UTA il campionato di Lenaf.

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Semifinale a Reggio Emilia contro gli Hogs. È stata quella, a mio parere, la vera finale. Loro molto forti e con tutti i pronostici dalla loro dato che erano i campioni d’Italia e, dall’altra parte, noi che eravamo considerati “quelli col girone facile” . La partita è stata una delle più emozionanti che abbia mai giocato e visto. Parlando da attaccante, il nostro gioco aereo ha fatto paura, grazie soprattutto alla linea che ha dato la possibilità al tutto di potersi svolgere. Da fuori deve essere stato davvero uno spettacolo.

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
In campo mi affido ciecamente ai coaches. In palestra seguiamo una routine preparataci appositamente, con due giorni di massimali ed un giorno di scarico.

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Non mi piace darmi un limite fissandomi degli obbiettivi.

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Cene sono due in particolare: la prima partita con la nazionale senior e il fischio finale della semifinale contro Reggio.

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Nel football si è dei soldati prima di essere giocatori. Senza la disciplina non ci si migliora e non si aiuta la squadra a crescere. Il football mi ha insegnato prevalentemente il rispetto per gli altri, a non mollare mai anche quando si pensa di non potercela fare ed a cooperare con gli altri, a fare gioco di squadra.

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Avevo già fatto parte di una squadra ottenuta con l’unione di altre società (l’under21 dei Ravens nel 2012 è stata formata con l’unione di Warriors, Aquile, Ravens e Chiefs) e fin da subito ho avuto le stesse sensazioni di quel anno. Si è creato un gruppo fantastico che è stata la cosa che, più di tutte, ci ha portato a vincere il titolo con una perfect season.

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
150km

 

Stefano Cavallucci UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Stefano Cavallucci
Soprannome Cava
Data di nascita 08/08/1965
Ruolo negli UTA Dirigente
Città di provenienza Meldola
Professione Artigiano
Anni di esperienza nel football 30

Storia e intervista

Stefano Cavallucci

Stefano Cavallucci

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Trasmital Forlì- Aquile Ferrara- Cobra Imola- Towers Bologna- Spartans Forlì – Seamen Rimini – Hogs Reggio Emilia – TITANS Forlì

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Nei primi anni 80 con le prime partite NFL trasmesse in TV

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Ho iniziato a giocare QB nel 1985 e per 25 anni ho ricoperto questo ruolo in oltre 6 squadre giocando in tutte le serie dalla C alla A

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Ho vinto un campionato da giocatore e due da dirigente 5 finali raggiunte 2 anni di seguito miglior qb del campionato

Qual’è la tua partita preferita e perché?
La finale della winter league del 2001 tra TITANS e KINGS dove vincemmo il campionato partendo da sfavoriti

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Nessuno, l’obiettivo è collettivo è di squadra

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Ne ho talmente tanti che non so dove iniziare

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
In tutto! Fiducia in me stesso, mi ha dato capacità di raggiungere gli obiettivi, mi ha dato amicizie importanti mi ha dato la capacità di non arrendermi mai di fronte alle difficoltà. Football is my life!

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Sono stato uno dei fautori dell’Unione, all’inizio c’era qualche dubbio, poi mi sono reso conto che il potenziale umano era di primissimo livello e in breve tempo è cresciuto anche l’affiatamento tra i giocatori delle due squadre

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Almeno 120 km

 

Jacopo Cortesia UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Jacopo Cortesia
Soprannome CJ
Data di nascita 04/06/1987
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Defensive Line
Numero di maglia 69
Altezza / Peso 184 / 107
Città di provenienza Pesaro
Professione Marketing Aziendale
Anni di esperienza nel football 9

Storia e intervista

Jacopo Cortesia

Jacopo Cortesia

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Angels Pesaro

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Prima di un esame universitario ho intravisto in TV che iniziava il SuperBowl XLIII e ho guardato incuriosito tutta la partita. Pochi giorni dopo avevo già imparato le regole, preso Madden e visto speciali e video. 2 settimane dopo sono andato a provare con gli Angels e mi sono definitivamente innamorato.

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Ho avuto un battesimo di fuoco poche settimane dopo il mio arrivo in squadra coi Barbari. Dopo non ho più smesso di giocare (tranne per infortuni purtroppo). Ho preso in mano insieme ad altri allenatori la giovanile degli Angels appena nata, all’inizio come aiutante, poi come allenatore. Ho arbitrato nei bowl della giovanile e non ho mai smesso di allenarmi. Con gli UTA siamo riusciti ad arrivare al Silver Bowl e vincerlo, coronando un piccolo sogno!

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
La vittoria del Silver Bowl contro i Barbari dell’anno scorso è sicuramente il traguardo più importante. Importante è stata anche la partita contro il college americano ospite a Pesaro, per capire quanto è differente la cultura (e la forza) fra le due nazioni. Importante la convocazione per l’All Star Game nel 2015.

Qual’è la tua partita preferita e perché?
La risposta scontata sarebbe la finale contro i Barbari dove ho anche giocato bene! In realtà ho preferito la partita prima, contro gli Hogs a Reggio Emilia, nonostante abbia faticato tanto. Da campioni d’Italia in carica gli Hogs non avevano dubbi su quello che sarebbe stato il risultato, ma noi non eravamo della stessa opinione. Dire che ho dato il 200% in quella partita è poco, come tutti i compagni. E alla fine…….

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
Avendo fatto l’allenatore prediligo la ripetizione e l’intensità. Non vuol dire quindi botte da orbi sempre e comunque, ma ricercare la tecnica perfetta con ripetizioni e velocità di esecuzione. Anche in palestra preferisco un esercizio pulito a un esercizio con troppo peso.

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Vorrei arrivare ai Playoff per fare vedere che anche una neopromossa ha qualcosa da dire, nonostante non abbiamo comprato a destra e a manca giocatori. Non è un obiettivo impossibile, basta solo crederci e non mollare mai.

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Le prime due cascate contro i Barbari alla mia prima partita. Sono volato a terra ribaltato dalla wedge del kickoff return romano… Ho letteralmente fatto 3 metri indietro, entrambe le volte. E mi sono alzato ridendo!

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Sicuramente mi ha dato un altro punto di vista sulla vita in generale, come molti sport fanno. Col football però capisci l’importanza del sacrificio per un bene più grande, e impari anche il rispetto e la disciplina. E, inoltre, impari a capire che a volte un dolorino non è niente di che 😀 (a volte…)

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Inizialmente preoccupato per eventuali discussioni in allenamento o divergenze nello stile di gioco. Poi abbiamo tutti capito che siamo dei cialtroni e che da questa cosa ne traiamo forza, quindi ormai non esistono più Titans o Angels, ma UTA.

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Ogni martedì da Pesaro andiamo a Forlì, quindi circa 180 km andata e ritorno

Altro
Penso che il gruppo dell’anno scorso sia perfetto per arrivare ad importanti obiettivi. Non è un gruppo “normale” e ci carichiamo negli spogliatoi con Discosamba Megamix… Ma è proprio questo che ci distingue e che ci dà l’unione giusta per dare sempre più del normale in campo.

Vincenzo Libro UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Vincenzo Libro
Soprannome  Winzip
Data di nascita 04/10/1991
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Receiver/Tight End
Numero di maglia 1
Altezza / Peso 172 / 64
Città di provenienza Forlimpopoli
Professione Operaio
Anni di esperienza nel football 5

Storia e intervista

Vincenzo Libro

Vincenzo Libro

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Titans

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Nel 2006 per caso

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Vinto il campionato di seconda divisione con UTA

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Hogs vs UTA semifinale 2016 seconda divisione LA PARTITA PIÙ EMOZIONANTE

 

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Benissimo siamo una grande famiglia

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Più o meno 100 km a settimana

Fabio Mazza UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Fabio Mazza
Data di nascita 21/01/1986
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Defensive Line
Numero di maglia 1
Altezza / Peso 192 / 110
Città di provenienza Rimini
Professione Addetto vendite
Anni di esperienza nel football 5

Storia e intervista

Fabio Mazza

Fabio Mazza

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Bills,Centurions!

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Ero un giovane uomo curioso

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Spero di non crescere mai! Voglio rimanere un d-line man,birra e carboidrati complessi all night long

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Campione d Italia seconda divisione per miracolo e grazie agli altri

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Uta vs hogs,abbiamo capito un po’ di cose.

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
Campo:prendere meno schiaffi possibili,Palestra:gambe e spalle tutti i giorni

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Sopravvivere per poterlo raccontare

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Il cobra che perde le sigarette in campo durante un kick off! Epica non sport

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Gioia,mi diverto con i miei compagni di squadra

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Non ho mai pensato fossero squadre distinte.

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Molta

Alberto Abbondanza UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Alberto Abbondanza
Soprannome Alby
Data di nascita 10/08/1988
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Defensive back
Numero di maglia 23
Altezza / Peso 177 / 85
Città di provenienza Cesena
Professione Tecnico elettronico/informatico
Anni di esperienza nel football 14

Storia e intervista

Alberto Abbondanza

Alberto Abbondanza

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Titans Romagna, Warriors u21, Dolphins u21

Quando e come ti sei avvicinato al football?
A13 anni assieme a mio fratello vedendo una partita su una TV regionale , siamo andati al campo a vedere un allenamento e non abbiamo mai più smesso

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Ho iniziato a giocare a 15 anni anche se al tempo non si poteva perché bisognava portare le lastre dei polsi ecc ecc, così ufficialmente ho iniziato a 16 anni ma già tutti mi conoscevano perché mio fratello giocava già da due anni ed io l’ ho sempre seguito, inoltre ero il miglior porta acqua della squadra 🙂 gli anni migliori e indimenticabili sono stati indubbiamente 2006 e 2016 perché nel 2006 ho vinto la under 21 a Bologna assieme ad un manipolo di pazzi ( fortunatamente ne rivedrò un bel po’ quest’ anno in a1!) È nel 2016 ovviamente è stato forse l anno più bello della mia vita , abbiamo creato un gruppo magico, nessuno ci credeva a parte noi, con umiltà e rispetto ci siamo uniti ad un altra squadra che ha fatto altrettanto, ed è venuta fuori un altra squadra di pazzi matti da legare che ci ha portato a vincere un titolo da molti cercato per anni, rendendolo un anno indimenticabile sia fuori che dentro al campo.

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
Ho solo vinto un under 21 con i warriors a Bologna nel 2006 divertendomi veramente tanto ed un altro lo scorso anno divertendomi altrettanto

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Probabilmente Reggio Emilia perché è stata l unica partita in cui eravamo sotto e abbiamo dovuto rimontare.poi un nostro amico (Kristi) è dovuto andar via a metà 3 quarto per andare a lavorare e il chiamarlo appena finita la partita che lui era appena arrivato al lavoro è stato epico.simbolo di quanto ognuno di noi si sia spremuto fino all’ ultimo per poter vincere.

Qual è il tuo metodo di allenamento in campo e in palestra?
Pensare ai compagni, mi alleno 4 volte a settimana e spero che anche gli altri lo facciano!

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Fare vedere quello che siamo, come gruppo e come squadra

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Indubbiamente Bologna l anno scorso, 2 ore di ritardo per la partita è mentre aspettavamo musica a manetta e fiumi di birra nello spogliatoio, poi in 0-2 tutti pronti in campo, fantastico

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Ha migliorato sicuramente il modo di rapportarmi alle persone ( dato che ci sono dei personaggi veramente unico nel football ) e poi sicuramente nel non mollare mai ,fino alla fine lottare.

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Fantastica, abbiamo unito i due gruppi di irriducibili è creato qualcosa di fantastico! Dovrebbero farci un film cazzo!

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
Per arrivare a Forlì sono 70 km andata e ritorno mentre per Pesaro sui 120-130 più o meno

Altro
Milioni di ricordi divertenti quello Delle sigarette in campo con accendino però rimarrà davvero eterno ( assieme al nuovo esercizio di Pier per migliorare la sensibilità Delle mani sulle ricezioni)

 

Filippo Piermaria UTA of the week

Scheda giocatore

Nome e Cognome Filippo Piermaria
Soprannome The moose
Data di nascita 29/03/1975
Ruolo negli UTA Giocatore
Ruolo Attuale Linebacker
Numero di maglia 42
Altezza / Peso 180 / 98
Città di provenienza Pesaro
Professione Commesso
Anni di esperienza nel football 24

Storia e intervista

Filippo Piermaria

Filippo Piermaria

In quali squadre hai giocato prima degli UTA?
Dolphins, giants

Quando e come ti sei avvicinato al football?
Grazie ad amici

Quale è stato il tuo percorso di crescita personale nel football?
Ho iniziato come wr per poi passare Linebacker, in giovanile ho giocato fullback e successivamente anche in prima squadra

Hai raggiunto qualche particolare obiettivo nel football?
9 finali e la nazionale

Qual’è la tua partita preferita e perché?
Dallas cowboy, perché ho iniziato a giocare a football quando Dallas vinceva i superbowl e mi sono innamorato di un giocatore ( soprannominato ” The moose “)

Che obiettivi individuali hai per questo campionato?
Arrivare fino in fondo

Il tuo ricordo più bello riguardo il Football?
Sicuramente la vittoria della seconda divisione dello scorso anno

Il football ha migliorato la tua vita? in cosa?
Rapporti e sacrificio verso gli altri

Come hai vissuto l’unione tra Angels e Titans?
Molto entusiasta sin da subito, ora anche di più

Quanta strada fai ogni settimana per andare ad allenarti?
200km