Ranocchi Angels a Roma per Sognare l’A2

Domenica alle 16 i quarti di finale playoff contro i Pretoriani

Gli Angels sulla strada per Roma. Domenica mattina alle 7,45 tampone prima di salire a bordo del pullman che li porterà sul campo dei Pretoriani dove, alle 16, si gioca il primo turno dei playoff promozione per l’A2.

“Affrontiamo una nuova realtà nata dalla fusione di tre società: Gladiatori, Barbari e Minatori Cave – racconta coach Giorgio Gerbaldi che ben conosce l’ambiente del football capitolino -. Propongono un football molto fisico, direi old style nel senso positivo del termine. La loro punta di diamante è il runningback Di Giorgio, che ha militato in Prima Divisione ed ha vestito anche la maglia della Nazionale”. 

Il dubbio per gli Angels resta la condizione di Alex Bianchini, reduce da una seria distorsione al ginocchio, che ha sostenuto il primo allenamento soltanto venerdì; le certezze gli inserimenti di Fiordoro e Tassinari, i due ex Uta che hanno debuttato nell’ultima di regular-season: “Per noi sono delle grandi aggiunte, tenuto conto delle assenze che stiamo sopportando (Frazzetto e Scola). Tassinari è un giocatore d’esperienza, con comprensione elevata del gioco, molto forte sulla linea di difesa; Fiordoro un quarterback che sa il fatto suo: riesce a gestire le situazioni con serenità, lancia preciso e fa correre i ricevitori. L’alternanza con Aguzzi ci permetterà di reggere tutta la gara”. Secondo l’head-coach dei Ranocchi la sfida si gioca sul piano fisico: “A livello tecnico-tattico siamo più raffinati ma se perdiamo lo scontro fisico non c’è partita. Dobbiamo essere pronti a reggere l’urto per poter mettere in campo le nostre qualità”.

L’ufficio stampa

Angels, domenica via ai playoff con grinta

Si gioca a Roma (ore 16) sul campo dei Pretoriani, nati dalla fusione di società storiche della capitale

Aria di playoff In casa Ranocchi Angels. La prima sfida si avvicina a grandi passi: domenica alle 16 la truppa di Giorgio Gerbaldi sarà di scena a Roma contro i Pretoriani per i quarti di finale.
Una nuova realtà, quella capitolina, nata dalla fusione di tre società, Gladiatori, Barbari e Minatori Cave: «Giocano un football molto fisico, direi quasi old style, ma nel senso positivo del termine – così li presenta Gerbaldi, originario della capitale -. Possono contare su due giocatori che hanno militato in serie A, di cui
uno è la punta di diamante, il runningback Di Giorgio, che ha vestito anche la maglia azzurra». Pesaro sta cercando in ogni modo di recuperare Alex Bianchini, reduce da una distorsione al ginocchio, che stasera sosterrà il primo allenamento con l’armatura e potrà inoltre contare sugli innesti di Fiordoro e Tassinari, i due ex Uta, che con gli Angels avevano dato anni fa la scalata alla massima serie: «Bianchini viene da un infortunio serio nel quale ha salvato i legamenti ma se la deve sentire, lasceremo decidere lui insieme allo staff medico – premette il coach -. Quanto agli altri due giocatori, è ovvio che per noi sono state delle grandi aggiunte, tenuto
conto delle assenze che stiamo sopportando (Frazzetto e Scola, oltre a Bianchini – ndr). Tassinari è un giocatore d’esperienza, con comprensione elevata del gioco, molto forte sulla linea di difesa; Fiordoro un quarterback che sa il fatto suo, riesce a gestire le situazioni con serenità, lancia preciso e fa correre i ricevitori. Grazie a lui Aguzzi, anzichè sentire la concorrenza, ha sfoderato la miglior prestazione da quando gli abbiamo cambiato ruolo: la loro alternanza ci permette di reggere tutta la gara».

Secondo l’head-coach dei Ranocchi, gran parte della sfida si giocherà sul piano fisico: «Penso che a livello tecnico-tattico siamo più attrezzati, ma se perdiamo lo scontro fisico non c’è partita. Dobbiamo essere pronti
a reggere l’urto per poter mettere in campo le nostre qualità. La difesa dovrà giocare per andare al placcaggio e sapere che la loro, per scelta, punta prima di tutto a rompere i giochi avversari».

I Pretoriani hanno chiuso al terzo posto nel ranking finale contro il 10° dei Ranocchi e per questo hanno diritto a giocare in casa i quarti, ma Pesaro è l’unica prima classificata del campionato a dover affrontare il primo turno in trasferta. Vincendo guadagnerebbe il diritto dei romani e giocherebbe in casa l’eventuale semifinale, dove troverebbe la vincente di Ravenna-Cecina. Il presidente Frank Fabbri si sta già attivando per giocare finalmente una notturna, che sarebbe, nel caso, sabato 3 luglio. Ma se la dirigenza deve fare i propri passi per farsi trovare pronta, la squadra è bene che stia con la testa su questo quarto di finale: perché nei playoff del football se non vinci, vai in vacanza.

Domenica 27 giugno Angels a Roma per i quarti playoff

Primo turno in trasferta contro i Pretoriani

La strada per la serie A2 comincia da Roma. Domenica prossima, infatti , i Ranocchi Angels saranno di scena alle 16 sul campo “Le Rose” di Genazzano, alla periferia della capitale, per i quarti di finale dei playoff promozione. Il primo avversario dei pesaresi saranno dunque i Pretoriani.


“Giocare di pomeriggio con questa afa è un massacro per i giocatori e noi in più abbiamo anche il viaggio. Diciamo che i dirigenti romani non ci sono venuti incontro, ma noi andiamo là con un unico obiettivo: vincere – dice il presidente Frank Fabbri -. Se dovessimo passare il turno, questa volta in semifinale il fattore campo sarebbe a nostro favore e io, nel caso, farò di tutto perché si giochi in notturna, di sabato sera, perché ne guadagnerebbe lo spettacolo. Oltre che i giocatori, con armature e caschi, si meritano di disputare nelle condizioni migliori queste partite per cui si sono preparati per mesi, allenandosi duramente”.


In settimana coach Gerbaldi proverà a reinserire gradualmente nei ranghi Alex Bianchini che aveva accusato dei problemi ad un ginocchio ed era stato costretto a saltare l’ultima parte della stagione regolare. Nel frattempo gli inserimenti di Fiordoro e Tassinari, i due ex Uta che con gli Angels avevano diviso la scalata nella massima serie, regalano ulteriore fiducia ed entusiasmo alla truppa, oltre che innegabili opzioni tecniche in più a disposizione del coaching staff.

L’ufficio stampa

Gli Angels vanno a caccia dei playoff

Domenica alle 15, contro i Nuovi Grifoni Perugia, in palio la post-season

Domenica 13 giugno segnerà comunque la svolta nella stagione dei Ranocchi Angels: o si va ai playoff o si va in vacanza. Al camposcuola di via Respighi (ore 15) arrivano i Nuovi Grifoni Perugia, già battuti all’andata: in caso di vittoria la qualificazione è certa, visto che i pesaresi viaggiano con un ruolino di due vittorie e una sconfitta. Altrimenti bisognerà attendere i risultati dagli altri campi per sapere se si riuscirà ad entrare come una delle migliori seconde: “La vedo più dura, in questo caso – spiega coach Gerbaldi – perché conta il ranking del girone e il nostro paga lo scotto di avere una società nuova, anche se non è proprio così nella realtà: i Ducks si sono infatti iscritti come Marines. Molto meglio contare solo sulle nostre forze, anche se siamo in emergenza: se vinciamo questa partita nessuno ci toglierà i playoff”. Lo staff dovrà inventarsi anche stavolta soluzioni alternative, dato che la visita medica svolta venerdì da Alex Bianchini non ha dato purtroppo esito positivo, almeno per il momento: sarebbe però recuperabile per la post-season.


L’appuntamento di domenica è molto importante anche sotto il profilo emotivo: prima del kick-off verrà osservato un minuto di silenzio in onore di Fiorenzo Troisi, ex Angels dei tempi eroici e padre di Lorenzo, una delle colonne dell’attuale squadra. La sua scomparsa, dopo una dura lotta contro una malattia che non lascia scampo, ha segnato l’ambiente del football e dunque si giocherà anche per lui.

L’ufficio stampa

Domenica 2 Giugno partono i playoff

I RANOCCHI ANGELS DEBUTTANO CON IMOLA

Nel primo turno, la wild-card, i pesaresi pescano i Ravens

Domenica 2 giugno alle 15, al camposcuola di via Respighi, i Ranocchi Angels si tuffano nell’avventura playoff. Migliori secondi dopo la regular-season, i ragazzi di coach Gerbaldi incrociano i Ravens Imola campioni in carica, che sono rimasti in Terza Divisione avendo rinunciato all’A2, e quest’anno, finora, non sono reduci da una stagione altrettanto brillante.

Pesaro parte invece col fattore campo a favore proprio per il buon andamento del torneo dove hanno ceduto ai migliori del girone, i Chiefs Ravenna, sempre per un soffio.  “Noi siamo al completo e ci stiamo allenando forte, con grande entusiasmo – racconta Andrea Angeloni, assistente del reparto d’attacco -. D’altronde l’atmosfera dei playoff è contagiosa, per cui i giocatori sono carichi e desiderosi di misurarsi in una formula in cui le partite sono secche e non si può sbagliare niente se non si vuole andare a casa”.

A giugno si giocherà ogni week-end, senza più pause, dalla wild-card agli ottavi, dai quarti alle semifinali, mentre la finalissima è in calendario il 5 luglio.

L’ufficio stampa

I Ranocchi UTA volano in semifinale, 47-22 sui Cavaliers

“Sono orgoglioso dei miei ragazzi, hanno applicato alla perfezione il piano partita, tutto ha funzionato perché tutti hanno dato il massimo“. Così coach Francesco Sclafani al termine della vittorioso esordio nei playoff contro i Cavaliers (47-22), che consegna nelle mani dei suoi Ranocchi Uta il pass per le semifinali, dove li aspettano gli Hogs di Reggio Emilia, il prossimo fine settimana. In palio l’Italian Bowl che promuoverà la vincitrice in serie A.

Francesco Sclafani
E’ stata una partita scoppiettante, tra due squadre molto preparate e complete nei reparti. Gli UTA erano partiti fortissimo 10-0 in in pochi secondi, poi Castelfranco ha sorpreso un paio di volte in velocità, con Simioni, la difesa di Uta, ricucendo lo strappo fino al 20-14. Nel finale del primo tempo, poco prima dell’intervallo, un “uno-due” firmato da Spada e Neri, mandava definitivamente al tappeto gli ospiti. E nella ripresa si vedevano azioni davvero divertenti: i lanci a tagliare tutto il campo di Fiordoro, le prese al volo di Neri, le corse di Spada dietro ai blocchi perfetti portati dalla linea d’attacco, le serpentine lente ma inesorabili di Angeloni.

UTA semifinale

Mentre la difesa chiudeva sempre meglio i varchi finiva in tripudio, con tutto il pubblico in piedi sugli spalti dello stadio Vismara ad applaudire per lo spettacolo ammirato: il sogno continua.

L’ufficio stampa

Ranocchi UTA, scocca l’ora dei playoff

Domani sera a vismara contro i Cavaliers

Brividi da playoff per Pesaro, che questa sera alle 20 accende i riflettori sui quarti di finale del campionato di A2 di football americano: di fronte, allo stadio di Vismara, Ranocchi Uta contro Cavaliers Castelfranco. Il fascino della notturna fa il paio con quello delle sfide secche, ad eliminazione diretta: chi vince accede alla semifinale e tiene vivo il sogno della promozione nella massima serie.

“Siamo carichi e sereni, abbiamo recuperato i nostri infortunati e non vediamo l’ora di scendere in campo ­ dice uno dei veterani della squadra, Alessandro Angeloni ­. Abbiamo esperienza da vendere, tanti di noi hanno già giocato questo tipo di partite, ma conserviamo in corpo anche l’entusiasmo di chi sa che questa stagione può regalarci un traguardo speciale e non vogliamo commettere leggerezze. La testa dev’essere su questa sfida, una volta alla volta, per arrivare sino in fondo”.

azione

Coach Sclafani ha studiato a lungo l’avversario insieme alla sua truppa: “Tre allenamenti questa settimana e tanto video per scoprire quali sono i loro punti deboli ­ dice il capoallenatore­. La lunga attesa è terminata, è il momento di sprigionare tutte le nostre energie. La difesa dovrà dire la sua contro i Cavaliers, veloci e ben allenati”.

Una sfida interessante per gli amanti del football americano, ma anche una serata diversa per i tanti appassionati di sport pesaresi: quasi tutte le squadre sono ormai in vacanza ma i Ranocchi Uta sono ancora in gioco. E la posta in palio è alta. Divertimento assicurato.

Partecipa all’evento l’ingresso è gratuito

13407282_1232191936821146_8145757915165378250_n

Playoff 2014 al via il 15 Giugno a Verona

Gli Angels danno un colpo di spugna su un finale di stagione regolare non proprio esaltante, con due sconfitte di fila, e provano a voltare pagina nei Playoff 2014. Domenica 15 giugno (alle 14,30) i Ranocchi saranno sul campo dei Mastini Verona per gli ottavi di finale, con in testa un solo pensiero: “Passare il turno per toglierci la scimmia che ci portiamo sulla spalla dallo scorso anno – ricorda il presidente Frank Fabbri -. Nella passata stagione, dopo una perfect season, praticamente senza sconfitte, andammo fuori subito contro i Muli Trieste. Una ferita che non si è ancora rimarginata, ma forse stavolta arrivare con le orecchie basse anziché troppo baldanzosi ci aiuterà a mantenere alta la concentrazione”.

Playoff 2014
A causa dei due ko con cui hanno chiuso la stagione regolare, che era invece iniziata in maniera esaltante, i pesaresi hanno perso posizioni sulla griglia, qualificandosi ai playoff soltanto come undicesimi: “Abbiamo dato la possibilità di entrare nella lotta scudetto sia a Padova, qualificata come dodicesima, che a Roma, salita addirittura al quarto posto. Per questo – spiega Fabbri – cominceremo i playoff in trasferta e anche se dovessimo passare il turno saremo ancora fuori casa, contro i Grizzlies. Speriamo vivamente di arrivarci ai quarti di finale, visto che i romani ci hanno rullato nell’ultima giornata e abbiamo una gran voglia di rivalsa”.
La difesa recupera i veterani, sia Piermaria che il miglior Leonardi “e questo dà fiducia ai ragazzi più giovani” ammette il presidente, ma sarà ancora priva di Cortesia (spalla) e Farneti (clavicola), mentre in attacco è ormai out Nanni, però rientra Maltoni dopo una stagione da spettatore.
Che sfida sarà contro Verona? “Hanno avuto una stagione simile alla nostra: erano 6-0, poi hanno perso le ultime due, perciò siamo entrambe a caccia di riscatto” ammette il presidente degli Angels, che ritroverà dall’altra parte della barricata, a capo dei Mastini, il suo ex compagno in Nazionale De Martin, che con cui disputò gli Europei del ’97.

L’ufficio stampa