62 a 0 ai Vipers Modena procede la cavalcata degli UTA

Secco 62 a 0 sui Vipers Modena, ascolta le interviste post partita

Seconda giornata per il campionato di A2 di Football Americano che ha visto la seconda e netta vittoria degli Uta (unione delle franchigie dei Titans Forlì e degli Angels Pesaro). Nella prima giornata, infatti, sul campo di Forlì gli Uta si erano presentati con una splendida vittoria contro Storms Pisa, bissata in trasferta sul campo di Modena dove si sono imposti con lo schiacciante punteggio di 62 a 0. A conferma del fatto che questa unione sta portando fin da subito i frutti sperati, con una linea difensiva che da due giornate non subisce ancora nessuna segnatura, e con un attacco in grande spolvero che sta rodando al meglio i meccanismi di questa fusione.

12802817_10208106957059184_4651928568622123444_n

L’obiettivo dichiarato dal Presidente Fabio Fiordoro è sicuramente quello di arrivare a giocare la finalissima per salire di categoria, che si disputerà nel vicino stadio Manuzzi di Cesena, mentre a dare conferma che i ragazzi, allenamento dopo allenamento, sia sul campo di Forlì che di Pesaro, si stanno trovando alla perfezione nonostante i sacrifici delle continue trasferte, sono due veterani come Matteo Spada dei Titans e Alessandro Angeloni degli Angels. I due hanno dichiarato che, dopo anni di sfide come rivali sul terreno di gioco, gli Uta ora traggono la loro forza da una grande carica emotiva e compensazione che esprimono in campo. Campo che, oltre vederli vincere nettamente in queste prime due gare, ha ridato loro anche tanto entusiasmo e la consapevolezza di poter costruire quest’anno qualcosa di grande.

Per il prossimo test non si dovrà aspettare tanto, infatti, proprio domenica pomeriggio gli Uta, questa volta sul terreno di Pesaro, affronteranno Bologna per la terza gara della divisione.

Ascolta le interviste post partita di sport magazine

Vietato mancare!

articolo di  Danilo Billi via pesaronotizie.com

Foto di Sofia Tampellini

Vittoria 32-0 sugli Storm Pisa grande esordio per gli UTA

Un uragano si è abbattuto su Pisa. Si chiama Uta, l’unione fra Angels e Titans che ha dato vita ad una nuova realtà nel football americano.

E’ finita con una vittoria 32-0 sugli Storm Pisa, una partita senza discussioni, netta la superiorità sia in difesa che in attacco da parte degli uomini di coach Sclafani, che in poco più di due mesi è riuscito a compattare due spogliatoi in maniera eccellente. Tanto pubblico sulle tribune dello stadio di San Martino, compresi alcuni osservatori delle prossime avversarie di Uta, a caccia di informazioni su un team che fino a ieri era ancora tutto da scoprire.

 

vittoria 32-0 sugli Storm Pisa

“Ha funzionato tutto bene, sia il gioco aereo che la corsa – ammette Frank Fabbri, presidente degli Angels -. I pesaresi? Sono andati bene, ma ormai non importa più di che formazione facevano parte prima i singoli giocatori, siamo una nuova squadra e siamo già molto temibili”. Bel gesto, poi, da parte di tutti i ragazzi, che sono scesi in campo col il numero 22 sul casco, il numero che era di Giancarlo Russo “un grande giocatore – ricorda Fabbri -, ma soprattutto un grande amico che non c’è più”.

Buona la prima, insomma, e ora anche Pesaro aspetta di scoprire come gioca Uta: bisognerà pazientare fino al 13 marzo.

 

Ascolta anche le interviste su Sport Magazine di Radio Antenna 3 relative alla vittoria 32-0 sugli Storm Pisa

di Elisabetta Ferri, ufficio stampa UTA

Vittoria allo scadere o niente

Allo scadere o niente: quest’anno va così. I Ranocchi Angels vincono (o perdono) allo scadere, non c’è verso di risparmiare danni alle coronarie degli spettatori. Dopo l’impresa con i Titans Forlì e la beffa di Firenze, contro gli Storms Pisa i ragazzi di coach Angeloni confezionano un’altra perla ribaltando il verdetto, che li vedeva sotto per 7-0, negli ultimi 6 minuti di gioco. Tanto agonismo ma niente punti in un primo tempo chiusosi sullo zero a zero, poi nel terzo quarto i pisani sorprendono i padroni di casa con un’azione di counter e mettendo a segno la successiva trasformazione. Scoramento tra i biancoblù, in formazione rimaneggiata con Piermaria squalificato, diversi assenti e l’infortunio di Carlini a peggiorare la situazione. Coach Angeloni deve rimettersi il casco, riprendere il suo ruolo in cabina di regia come qb e rilanciare Frazzetto da ricevitore, nonostante Jerry sia in condizioni fisiche precarie. La rimonta comincia con un touch-down di Bianchini che, con un gran balzo, raccoglie il lancio di coach Angeloni e segna.

allo scadere o niente

Quindi Matteo Gallo calcia fra i pali il punto del pareggio (7-7). La difesa degli Angels si inferocisce e chiude in fretta il successivo attacco degli Storms: sul cronometro resta 1’40’’ per vincerla evitando i supplementari. Il touch-down della vittoria arriva a una manciata di secondi dalla fine con Angeloni, acciaccato ma con un braccio ancora preciso, che pesca Frazzetto con un gran lancio: finta e corsa, conclusa in end-zone fra l’esultanza dei compagni. Ancora Gallo trasforma e fissa il 14-7. Ultimi disperati attacchi degli ospiti che fanno correre qualche brivido, poi gli arbitri fischiano la fine. Coach Angeloni si emoziona parlando alla squadra raccolta in cerchio: «Sono orgoglioso di voi: queste sono le partite che cementano un gruppo, che si ricordano per sempre». Adesso tre settimane di pausa per recuperare gli infortunati e presentarsi alla prossima in casa con Bologna il 25 aprile tirati a lucido.

Elisabetta Ferri
ufficio stampa

Angels vs Titans vittoria all’ultimo minuto

vittoria all'ultimo minuto

Vittoria all’ultimo minuto: un touch-down segnato a 29” segna la vittoria degli Angels sui Titans dopo una partita da batticuore. Perché organizzare un’azione d’attacco nel football americano è quasi un compito algebrico. Ma lo staff dei Ranocchi Angels è stato fantastico perché non l’ha mai data su e può esultare per un successo (22-19) che premia la determinazione dei ragazzi pesaresi e la generosità di coach Angeloni, 44 anni a luglio, che decide di scendere in campo per la penuria del reparto runningback, decimato da alcune assenze. Alla fine sarà proprio il coach, fresco di nomina, a segnare la meta decisiva su un passaggio molto intelligente di Frazzetto (in foto) che lo pesca con una specie di lob superando la difesa forlivese. Carlini mette il sigillo con la trasformazione e in pochi secondi si passa dal rischio di una sconfitta amara ad una vittoria che regala un’adrenalina pazzesca. La gioia degli Angels esplode fragorosa al fischio finale che sancisce il successo sui rivali di sempre in quello che è diventato ormai il più classico dei derby.

Ascolta il commento post partita del nuovo head coach Alessandro Ageloni

Bravo Jerry Frazzetto, a suo agio nei nuovi panni di quarterback, col 100% di lanci completati, interessante il nuovo ruolo di Jacopo Terenzi in difesa. Eppure era cominciata col piede storto: dopo un primo quarto di studio, ad aprire le marcature sono proprio i Titans con un lungo lancio e la successiva trasformazione che fissa il punteggio sul 7-0. Dopo soli 2′, però, i Ranocchi rimettono le cose a posto: lancio di Frazzetto che pesca Bianchini, Alex corre per 67 yards prima di depositare la palla in end-zone. Poi Terenzi rimedia ad un errore di posizionamento della palla e decide di correre per la trasformazione da due punti. Risultato ribaltato: 8-7. Prima di tornare negli spogliatoi, Ale Angeloni firma il primo dei suoi touch-down, Carlini trasforma e si va al riposo sul 15-7. L’inizio di ripresa, però, ribalta di nuovo la situazione a favore di Forlì che trova un varco nella mischia per accorciare le distanze (15-13) e poi copre un fumble che rimanda a sedere in un attimo l’attacco di casa. Sono momenti di grande sofferenza per i Ranocchi, mentre i Titans vanno ancora a segno con una corsa centrale evitando i placcaggi, la trasformazione però non va e il terzo quarto su chiude sul 15-19. C’è ancora tempo per provare a vincerla ma Frazzetto viene stoppato ai limiti dell’end-zone per un fallo dei suoi compagni, quindi Angeloni recupera miracolosamente un pallone rotolato a terra. Poi, quando sembra finita, Frazzetto pesca il suo allenatore per il touch-down vincente. Carlini trasforma e congela la vittoria. Infine la difesa tira giù la serranda nonostante l’antisportivo chiamato a Piermaria faccia correre ancora qualche brivido sulla schiena. E poi esplode la gioia.

Intervista audio a cura di Elisabetta Ferri

47 a 0 sui Titans, gli Angels chiudonola regular season con un 6-0

C’era un solo modo per chiudere la stagione regolare nel migliore dei modi, ed era confermarsi in casa con un 47 a 0 sui Titans Romagna, squadra già affrontata e battuta ma che comunque ha rafforzato il gioco aereo diventando molto pericolosa con lanci profondi.

Ma i giovani Ranocchi Angels si sono ancora una volta imposti sul campo sia in attacco che in difesa, portando il bottino stagionale al massimo, con 6 vittorie e 0 sconfitte.

47 a 0 sui Titans

In questa partita c’è spazio per tutti: incrementa yard e segnature totali Maltoni, che segna 3 dei 7 touchdown. Primo TD anche per Felici, unico ricevitore ancora a secco che trova i suoi primi punti della carriera. Ottimi anche i TD di Toni, con una ricezione di 50 yard su lancio perfetto di Zamfir e Marinelli.

La difesa non subisce punti e, anzi, continua a farne, dimostrando che non sono solo spettatori di un attacco in gran forma. Una safety di Valentini e un punt bloccato e riportato in touchdown da Raggioli sono le segnature dei giovani difensori.

Si va ai playoff a punteggio pieno, quindi, e giocando in casa. Il fattore campo favorevole consentirà a tutti gli appassionati di poter godere ancora delle prestazioni della squadra pesarese, con un avversario ancora da stabilire in base al ranking del campionato.

Gli allenatori sono più che soddisfatti, anche perché le statistiche parlano chiaro:

318 i punti segnati in totale
20 punti subiti
27 i punti segnati dalla sola difesa
+ 298 la differenza punti

Ora gli allenamenti continueranno con la testa ai Playoff che, come sappiamo, sono storia a parte. “Chi sbaglia esce, non c’è una seconda possibilità!” sottolinea a fine partita coach Moscatelli.

E gli Angels sono pronti a giocarsela al massimo fino alla fine!!

Quinta vittoria di fila per gli Angels: 51 a 0 sui Crabs

Quinta vittoria di fila per gli Angels: 51 a 0, era un copione già scritto quelli che è andato in scena ieri a Pescara, i Crabs già sconfitti durante il girone di andata sapevano di non avere tante possibilità contro gli Angels che stanno dominando in maniera incontrastata il girone, ma la compagine abruzzese ha affrontato con coraggio la partita nonostante gli infortuni abbiano costretto i Crabs a giocare sotto organico.

Quinta vittoria di fila per gli Angels

La mercy rule ( regola per la quale quando c’è molto divario di punteggio tra le squadre il cronometro della partita non viene fermato) è scattata in anticipo rispetto ai normali 35 punti di differenza perché dopo un duro placcaggio della difesa pesarese il Quarterback dei Crabs ha dovuto lasciare il campo per ricevere cure mediche alla spalla ed i Crabs si sono trovati con meno di 14 giocatori disponibili, a questo punto il regolamento impone la mercy rule per evitare il più possibile infortuni.

La partita è continuata con gli Angels sempre in pieno controllo del campo, i coordinatori dell’attacco pesarese hanno lavorato molto sul gioco aereo e, con il risultato ben saldo in cassaforte, si è potuto rodare ancor meglio visto che quello di corsa è risultato fino a quest’oggi impeccabile.

bgPic1141023-25367-tsry52

Non è servita purtroppo la mercy rule a tutelare gli Angels dagli infortuni e durante il terzo quarto il ricevitore Bianchini, che fino ad oggi si è mantenuto tra i migliori del campionato con numeri da record, ha riportato un infortunio alla caviglia del quale ancora non si conoscono i tempi di recupero, purtroppo sono cose che capitano nel football, un augurio al nostro Alex di pronta guarigione da parte di tutti  gli Angels.

Anche se ormai la classifica del girone è più che definita per gli Angels rimane alta l’attenzione, domenica prossima si gioca in casa l’ultima partita di regular season coi Titans Romagna e tutti i punti a tabellone sono importanti, i giovani Angels hanno la seria possibilità di saltare la wildcard e giocare direttamente i playoff in casa, inoltre, come ci hanno insegnato le stagioni passate, durante i playoff il livello di gioco si alza, si ha la possibilità di giocare con le migliori squadre d’Italia e quest’anno gli Angels non vogliono arrivare impreparati a questo fondamentale appuntamento.

Ci si vede tutti domenica prossima, 30 novembre alle 14:o0 al Campo Scuola di via Respighi per l’ultima di regular season  Angels vs Titans, come sempre ingresso gratuito.

Continua la cavalcata degli Angels: 61 a 0 sui Titans Romagna

61 a 0 sui Titans

61 a 0 sui Titans, con tutto il secondo tempo della partita in mercy rule. Anche questa settimana il risultato si commenta da solo per li Angels Pesaro, che dopo una serie di 4 vittorie consecutive si mantengono saldamente in testa al girone  con numeri da record anche questa settimana, i Titans hanno sicuramente pagato il prezzo di essere matricole in questo campionato under 19 mentre i giovani Angels sono ormai una squadra rodata da anni con una buona metà dell’organico che gioca regolarmente anche in prima squadra. Una partita su un campo reso un po pesante dalla pioggia battente che non ha comunque penalizzato troppo il buon gioco aereo dei TItans che hanno conquistato qualche nel primo down, ma oltre questo la rocciosa difesa pesarese non ha concesso niente controllando continuamente l’attacco Titans e non lasciando nessuno spazio alle corse. L’attacco Angels ha lavorato come una macchina ben oliata segnando la maggior parte dei punti nei primi due quarti per poi dare anche spazio per giocare agli esordienti. Ancora qualcosa da migliorare negli special team che, nonostante ottime prestazioni nei ritorni (la prima segnatura è stata proprio sul ritorno del kickoff iniziale), hanno mostrato qualche imperfezione nelle trasformazioni.

61 a 0 sui Titans

I Titans sapevano che sarebbe stato difficilissimo sovvertire un pronostico abbastanza pesante ma hanno giocato con  tutta la voglia di imparare che deve contraddistinguere le squadre giovanili e che la settimana scorsa gli ha permesso di vincere sui Crabs e senza dubbio hanno avuto la possibilità di crescere anche in questo scontro con una squadra più esperta.

61 a 0 sui Titans

A Pesaro ci si continua ad allenare nonsotante pioggia e fango in vista degli impegni a breve termine, come la partita di domenica prossima in casa dei Crabs Pescara, ma anche per i playoff, ormai conquistati matematicamente, è importante giocare al massimo queste due ultime partite di regular season per presentarsi al resto delle squadre italiane con un ranking più alto possibile.

Un saluto e un grazie al nostro fotografo Dado Nubile che ci ha seguiti anche in questa trasferta.

10730873_500087683463982_8098936355395326885_n

73 a 0 sui Crabs, grande prova di carattere degli Angels

Partivano come favoriti i giovani Angels questo pomeriggio e forse qualcuno si aspettava in anticipo  una vittoria, ma vincere per 73 a 0 sui Crabs è stata una vera emozione per i ragazzi che hanno messo il cuore in una partita che rischiava di essere presa sottogamba. Ottima prova di concentrazione e carattere da parte di tutti, una difesa come al solito rocciosa che non ha lasciato nessuno spazio alle corse dei Crabs e un attacco che ha dettato il ritmo di tutta la partita segnando al primo drive.

IMG_20141102_133702

Dopo il primo quarto il risultato già cominciava ad essere delineato ed entrambe le squadre hanno optato per il gioco aereo, gli Abruzzesi per capitalizzare qualche primo down e i Pesaresi per affinare il gioco di lancio, visto che quello di corsa si è dimostrato una macchina perfettamente oliata.

73 a 0 sui Crabs

Anche il secondo tempo è stato a senso unico e ha fatto registrare anche tre bei turnover da parte della difesa Angels: due intercetti (Mariotti e Garofalo) e un fumble ricoperto; nota di colore sono i due punti di una trasformazione segnati con una corsa di un uomo di linea (Ascani) prestato per l’occasione al reparto runningback.

IMG_20141102_143306

C’è comunque ancora tanto lavoro da fare, soprattutto negli special team che non sono stati all’altezza di attacco e difesa ed è fondamentale mantenersi concentrati per far si che vittorie del genere non diano alla testa dei giovani Pesaresi.

IMG_20141102_143326

Ottima partenza per gli Angels vittoria per 44 a 13 sui Dolphins

Ottima partenza per gli Angels che nella prima partita di campionato under 19 rimandano ad Ancona i Dolphins con un secco 44 a 13. Nonostante la vittoria di misura coi Titans per gli anconetani non ci sono state speranze fin da subito: nella prima metà della partita la difesa Angels non ha mai concesso un primo down mentre l’attacco macinava punti.

angels under 19 2014

Dopo la pausa un terzo quarto un po opaco per gli Angels che hanno abbassato la guardia, concedendo con un paio di errori di troppo un primo down e subito dopo due touchdown ai Dolphins che hanno dimostrato così di non essere certo gli ultimi arrivati e di essere prontissimi ad approfittare di qualsiasi falla nella difesa Pesarese.

Ottima partenza per gli Angels

Ritrovato il loro carattere gli Angels riprendono subito le redini della partita chiudendo con un 44 a 13, oltre ai giovani ormai “veterani” che giocano anche in prima squadra hanno potuto trovare spazio tutti quelli che oggi esordivano per la prima volta nel mondo del football, facendolo nel migliore dei modi.

IMG_20141019_142348

Debutto agrodolce per gli Angels Pesaro flag football

Si dice spesso che è dagli errori, dalle sconfitte che s’impara di più, e certamente gli Angels Pesaro flag football faranno tesoro del loro primo bowl divisionale, dove purtroppo non sono riusciti ad ottenere vittorie nonostante diverse giocate spettacolari, frutto di grandi individualità. Peccato, perché la cornice di questo esordio nel Campionato Italiano LIFF è stata splendida, grazie ad una domenica soleggiata e un Campo Scuola in perfette condizioni.

Angels Pesaro flag football

Gli atleti pesaresi hanno sfidato per primi i Gargoyles, usciti vincitori dal derby anconetano coi Guatti. Il debutto assoluto della squadra “alata” ha visto sugli scudi il capitano Leonardi, che ha persino riportato in meta un intercetto, e il WR Frazzetto. La mancata assegnazione di un TD apparso poi valido, ha però frenato la rimonta degli Angels Pesaro flag football, i quali non sono riusciti ad annullare il piccolo gap creatosi durante le fasi finali del match, chiuso con lo score di 20-30.

Lo scoramento per un successo sfiorato di un soffio ha, forse, causato quel calo di concentrazione che si è rivelato fatale nel secondo incontro. In un attimo, difatti, i Guatti si sono trovati a gestire un vantaggio di 23-0; margine che è rimasto per tutta la partita, terminata 42-18 in loro favore. Niente panico, comunque, perché ora c’è quasi un mese per presentarsi ancora più agguerriti e smaliziati al prossimo trittico di bowl, che si disputeranno tra Bologna e Ferrara. Il tempo per spiccare il volo è tutto dalla parte degli Angels.

Link utili:
Angels Pesaro flag football
lifflegaflag.it

Ufficio Stampa Angels Pesaro