Gli Angels fanno l’impresa a Perugia

Espugnato il campo dei Grifoni con una squadra imbottita di rookie

Domenica di gloria per il football pesarese. Pur con cinque assenze importanti, gli Angels tarpano le ali ai Grifoni e portano a casa una vittoria preziosa (15-21 il punteggio) in chiave playoff. Con Scola e Frazzetto ai box, nel corso del match i Ranocchi hanno perso anche Bianchini, Valentini e Civinelli. Ma, a sorpresa, sono saliti alla ribalta i rookie cresciuti in questi mesi di lavoro insieme. Tre in particolare: Gualtiero Zito, che ha segnato un touch-down, Brian Romani autore di due intercetti e Sebastiano Politino, che ha retto il ruolo di runningback titolare.


L’incontro è stato un susseguirsi di emozioni, in cui Perugia è andata a segno sfruttando le doti del suo straordinario “calciatore” che ha aperto le marcature (3-0), ha ricucito dopo il td di Zito (6-9) e impattato sul 15 pari, poco prima dell’overtime. Dove gli Angels hanno prima intercettato l’attacco di casa con Romani, quindi hanno chiuso la partita con una grande azione orchestrata da due inossidabili veterani: Piermaria blocca e Troisi segna. In precedenza, ‘Lollo’ aveva segnato anche il td del 12-15. “Siamo veramente fieri dei nostri ragazzi – dice Alessandro Angeloni,
assistente dell’offensive coordinator – che hanno risposto in maniera straordinaria alle tante emergenze. Perugia è una squadra rodata ed esperta, non era facile fare il colpaccio qua”. E fra due settimane a Roma, contro i Ducks, Pesaro proverà a tener vivo il sogno playoff.

L’ufficio stampa

Domenica a Perugia una sfida complicata per gli Angels

Lesione ai crociati per Jerry Frazzetto: stagione finita

Domenica alle 15, sul campo dei Nuovi Grifoni Perugia, gli Angels sono chiamati ad una prova di maturità senza Frazzetto. Purtroppo l’infortunio patito all’esordio contro i Ducks si è rivelato importante: lesione ai crociati anteriori del ginocchio sinistro per Jerry, che si opera venerdì, con la speranza di recuperare in tempo per i Mondiali di Gerusalemme. “Sostituirlo è impossibile – dice coach Gerbaldi – perché Frazzetto è un jolly e ci dava tanto sia nel reparto offensivo che difensivo, dov’è capace di portare un placcaggio uno contro uno come pochi altri. Ci dovremo
inventare una soluzione alternativa”.

Si gioca contro un avversario molto attrezzato, rinforzato dai ‘transfughi’ di Terni: “I Grifoni sono una squadra davvero forte che schiera 4-5 elementi di alto livello, tre dei quali erano convocati all’ultimo raduno della Nazionale pur giocando in Terza Divisione – sottolinea l’head coach dei Ranocchi -. Inoltre, dopo lo scioglimento di Terni, diversi giocatori sono confluiti a Perugia. Un avversario tosto, proveremo a controllarli di collettivo”.
Verrà ripetuto l’esperimento della diretta streaming, che ha riscosso un bel successo al debutto.

L’ufficio stampa

Buon debutto degli Angels, vittoriosi sui Ducks (22-20)

La difesa si dimostra subito il baluardo dei nuovi Angels, vittoriosi al debutto contro i Ducks Lazio (22-20). Gli errori commessi dal reparto offensivo, anche comprensibili visti tanti rookies, hanno rischiato di mettere in pericolo un risultato che pareva in cassaforte: “Non dimentico che eravamo senza Scola, il nostro runningback titolare, messo ko da un incidente stradale – sottolinea Alessandro Angeloni, assistente dell’offensive cordinator – quindi abbiamo accusato delle difficoltà.

Per alcuni dei nostri ragazzi questa era la prima partita in assoluto, ma anche quelli con un anno di esperienza la scorsa stagione hanno disputato una sola gara prima dello stop, compreso il quarterback, Enrico Aguzzi, che l’anno scorso abbiamo spostato di ruolo”.

Comunque il reparto difensivo, pur subendo un po’ il gioco in corsa dei Ducks, ha retto l’urto, riuscendo anche a mettere a segno tre intercetti importanti. I laziali vanno in vantaggio (8-0), non tarda la replica dei pesaresi che sbagliano però la trasformazione da due per l’aggancio. Poi gi Angels prendono l’inerzia del match realizzando due touch-down, con annesse trasformazioni da due punti che li portano sul 22-8.

Nell’ultimo quarto, però, la concentrazione dei padroni di casa cala mentre i Ducks trovano delle belle giocate che rimettono in discussione il risultato, complice l’infortunio di Frazzetto, pesato su entrambe i reparti: “Troppi errori, molti dei quali commessi dagli special team, dovremo lavorare di più in allenamento con loro” chiude Angeloni.

I Ducks rimontano fino al 22-20, sbagliando però le trasformazioni che consentono agli Angels di conquistare palla e far scorrere il cronometro, mettendo in freezer la vittoria. Appuntamento a Perugia il 9 maggio contro i Nuovi Grifoni.

L’ufficio stampa

Domenica 25 Aprile la “Liberazione” del Football

Gli Angels tornano a giocare: esordio in casa con i Ducks alle 13,45

Oggi alle 13,45 il football americano esce dal lockdown. Una sorta di liberazione, che coincide con il giorno che celebra la ricorrenza in tutta Italia. Gli Angels celebrano la loro affrontando i Duck Lazio al camposcuola di via Respighi: “Un debutto è sempre qualcosa di emozionante – dice il presidente Frank Fabbri -, specialmente per chi, come noi, si ritrova a giocare senza più avere al fianco il patròn che ci ha sostenuto per tanti anni. Torniamo in campo per noi stessi, per la gioia del gioco, ma anche per onorare la memoria di Giovanni Ranocchi”.


In questo esordio mancherà una pedina importante, il runningback titolare Marco Scola, messo ko da un incidente stradale: “Un vero peccato, perché ci eravamo allenati molto bene, per fortuna abbiamo delle alternative valide – dice Alessandro Angeloni, assistente del reparto offensivo -. Proseguiamo nel percorso iniziato con coach Mel Galli: il suo tipo di attacco si basa su opzioni continue fra corse e passaggi, non è facile per il nuovo quarterback Enrico Aguzzi, che l’anno scorso aveva cominciato bene, poi purtroppo il torneo venne stoppato dopo appena una partita”. Mentre la difesa è sempre coordinata da Enrico Leonardi: “E’ sicuramente più facile mettere insieme un reparto difensivo, più fisico ed istintivo, con meno giochi rispetto all’attacco. Siamo in forma – dice -: i tanti veterani stanno facendo crescere i giovani, si sono ben amalgamati e sono orgoglioso di loro”.


La bella novità di questa stagione è la diretta streaming delle partite sulla pagina Angels Pesaro Tv, un’iniziativa pensata dai figli dei giocatori, dettaglio che racconta più di tante parole come e perché si trasmette la tradizione pesarese del football americano nella grande famiglia degli Angels. Questo l’indirizzo per seguire il match:


https://youtube.com/channel/UCKVrnbr_V4dUQ5PaN1crlcA

L’ufficio stampa

Si riparte il 25 Aprile “GIOVANNI RANOCCHI E’ ANCORA CON NOI”

Tutta la famiglia alla presentazione della squadra

Nel nome di Giovanni Ranocchi. Gli Angels vanno avanti anche per onorare la memoria dello storico main sponsor, che è stato come un padre per la società di football americano pesarese, che quest’anno festeggia i suoi quarant’anni, gli ultimi quindici con Francesco ‘Frank’ Fabbri alla presidenza.

Il campionato di Terza Divisione partirà il 25 aprile, in casa, contro i Ducks Lazio (kick-off alle 14,30).

Alla presentazione, che si è tenuta l’11 aprile al camposcuola di via Respighi, era presente tutta la famiglia dello storico patròn scomparso un anno fa, strappato ai suoi cari dal corona virus: la moglie, una delle due figlie, il genero e le due nipoti: “Date il meglio di voi, come avrebbe voluto Giovanni – ha detto il genero Stefano Carloni – e soprattutto divertitevi. Il football era la sua grande passione”.

Il presidente Fabbri, che era legatissimo a lui, dopo aver scattato le foto con le nuove divise, si è tolto la tuta: “Ho fatto come voleva Ranocchi. Mi ripeteva sempre: Frank, nelle occasioni ufficiali il presidente deve indossare la camicia”.

Tanta emozione, ma anche tanta voglia di ricominciare: “Siamo fortunati – riconosce Jerry Frazzetto, l’uomo di punta della squadra – perché altri sport sono ancora fermi invece noi possiamo allenarci e tra poco inizieremo un nuovo campionato”.

I costi, per una società non professionistica come gli Angels sono alti perché prima di ogni allenamento tutto il gruppo squadra, circa 40 persone, deve fare il tampone. E per le trasferte serviranno due pullman per rispettare il distanziamento.

I pesaresi sono stati inseriti nel girone C con Ducks Lazio e Nuovi Grifoni Perugia: “Sarà un campionato più breve ma gli avversari che ci sono toccati sono squadre di tutto rispetto” avverte coach Giorgio Gerbaldi. E allora si riparte il 25 aprile, giorno della liberazione: forse non è un caso.

Memorial Giovanni Ranocchi


la giornata di oggi non e’ una giornata qualsiasi per noi ANGELS 

Il 25 marzo 2020, chiusi nelle nostre case per il lockdown, scoprivamo infatti di dover salutare per sempre Giovanni, come tanti, troppi altri, portato via da questo coronavirus che speriamo di poter presto sconfiggere.
Con lui scompariva non solo il nostro Main Sponsor un grande imprenditore che tutti conoscono, ma anche, e soprattutto, una persona autentica, capace di trascinare chiunque con il suo entusiasmo, la sua energia quante serate in quell’ufficio sapevi tutto di me …..e non finiro’ mai di ringraziarti
A un anno di distanza, era doveroso ricordarti mi avevi aperto le tue braccia e da sempre “aiutavi” i TUOI ANGELI , volevamo ricordarti sul campo……..lo faremo piu’ avanti

UNA PAGINA DEDICATA SUL RESTO DEL CARLINO E UN TROFEO FATTO A MANO CON TANTO AMORE ……SUL TUO TAVOLO


CREDI IN CIO’ CHE FAI TROVERAI LA FORZA E IL CORAGGIO PER REALIZZARE I TUOI SOGNI


“Ciao Giovanni”

Angels in lutto, è scomparso Giovanni Ranocchi

La grande famiglia degli Angels vuole onorare la memoria di Giovanni Ranocchi, più di uno sponsor per tutti noi. Imprenditore illuminato, persona dal grande cuore, uomo schietto e sincero, è stato l’angelo del football americano pesarese, che ha sempre sostenuto con coerenza ed affetto negli anni, mettendo il suo nome sulle nostre casacche con una fedeltà encomiabile e una vicinanza amorevole. Questa è la sua eredità e noi non potremo mai dimenticarlo. Ciao Giovanni.

Ultima di campionato, squadra proiettata verso i Playoff

Domenica alle 15 contro i Buccaneers Comacchio

Domenica alle 15, al camposcuola di via Respighi, i Ranocchi Angels disputano l’ultima giornata di regular-season contro i Buccaneers Comacchio. Con la certezza dei playoff già in tasca – il primo turno è in calendario a inizio giugno -, coach Gerbaldi ne approfitterà per fare qualche esperimento per la post-season.

“Anche se la partita è ininfluente per la classifica, per noi è importante ugualmente – dice il presidente, Frank Fabbri -. Come abbiamo detto ai ragazzi, va considerato come un test: ci sono nuovi schemi da provare e chi ha avuto meno spazio avrà la possibilità di trovarlo”.

Nel gruppo è tornato anche Tommaso Maltoni: “Una pedina importante per noi che però, diviso com’è fra studio e lavoro, fatica ad essere puntuale a tutti gli allenamenti. Ma il ragazzo ci tiene e sarà con noi fino al termine della stagione”. Intanto, molti giocatori sono cresciuti, Scola in testa: “Il merito è del nostro coaching staff che, voglio sottolinearlo, è da serie A nonostante siamo scesi in Terza Divisione. Abbiamo allenatori di primissimo livello che stanno dando un’impronta importante in chiave futura”.

Intanto prosegue il progetto football nelle scuole e i playoff saranno l’occasione per invitare i ragazzi che lo praticano sugli spalti. “Saremo probabilmente inseriti nel tabellone sud, con lunghe trasferte, ma nel primo turno dovremmo avere  il fattore campo a favore e se giocheremo in casa li vogliamo sugli spalti, sono loro la nostra speranza che il football viva ancora a lungo nella nostra città”.

L’ufficio stampa

Gli Angels passano a Forlì contro i Titans (38-13)

Conquistati i Playoff per la promozione

Obiettivo centrato. I Ranocchi sguazzano sotto il diluvio universale di Forlì, portano a casa scalpo (38-13 il risultato) e qualificazione matematica ai playoff promozione per la serie A2. Jerry Frazzetto e Alessandro Angeloni, smaltiti i rispettivi infortuni nella lunga sosta, sono stati i trascinatori della squadra pesarese che ha fatto valere atletismo e organizzazione, mettendo in luce anche le corse del runningback Marco Scola e un field-goal da oltre 30 yards infilato da Daniele Zepponi. In difesa, ottima prestazione di Anthony Di Nunzio.

Obiettivo centrato. I Ranocchi sguazzano sotto il diluvio universale di Forlì, portano a casa scalpo (38-13 il risultato) e qualificazione matematica ai playoff promozione per la serie A2. Jerry Frazzetto e Alessandro Angeloni, smaltiti i rispettivi infortuni nella lunga sosta, sono stati i trascinatori della squadra pesarese che ha fatto valere atletismo e organizzazione, mettendo in luce anche le corse del runningback Marco Scola e un field-goal da oltre 30 yards infilato da Daniele Zepponi. In difesa, ottima prestazione di Anthony Di Nunzio.


“Una vittoria eloquente, che ci dà grande soddisfazione – ammette il presidente degli Angels, Frank Fabbri – perché ottenuta contro un’avversaria che stavolta era al completo e contro la quale è sempre bello giocare: in A2 sono stati fra i nostri rivali più tosti, poi nostri compagni nella massima serie, adesso di nuovo avversari in Terza Divisione. Siamo fieri di andarci a giocare i playoff, ma ora vogliamo chiudere alla grande la stagione regolare, domenica prossima davanti ai nostri tifosi contro i Buccaneers Comacchio”.


I playoff inizieranno a giugno con le wild-card, molto probabilmente con il vantaggio del fattore campo casalingo.

Angels sconfitti con onore a Ravenna (10-7)

Ravenna fatica anche stavolta ma ha la meglio per la seconda volta sugli Angels dopo averli battuti all’overtime nella prima di campionato. Sabato sera, sul campo dei Chiefs finisce 10-7 con i padroni di casa che si impongono grazie ad un field-goal dopo che Mauro Gagliardi, prestatosi come ricevitore per le tante defezioni in attacco, aveva pareggiato il touchdown locale aprendo speranze di vittoria.

Va anche detto che i pesaresi erano davvero in una formazione rimaneggiata: mancava Alex Bianchini, mentre l’infortunio di Angeloni nel primo quarto ha costretto lo staff ad inventarsi Frazzetto come qb, fra l’altro anche lui dolorante a una gamba che ha cercato di usare almeno il braccio per servire i compagni.

Tutto sommato una prova di sostanza, ricca di orgoglio, che però non è stata sufficiente per affiancare in vetta i romagnoli. Gli Angels adesso devono battersi per difendere quel secondo posto che darebbe comunque l’accesso ai playoff promozione.

L’ufficio stampa