Ultima in casa, c’è un derby da vincere

Domenica alle 15 i Ranocchi Uta sfidano i Dolphins Ancona

E adesso i Ranocchi Uta si vogliono togliere lo sfizio. Domenica al camposcuola di via Respighi arrivano i cugini dei Dolphins Ancona. Così, dopo l’impresa di Torino, sia per garantirsi la salvezza senza aspettare il risultato del match fra Lions e Giaguari, ma soprattutto per fare un regalo ai propri tifosi, che quest’anno in casa se ne sono andata a casa sempre sconsolati, la truppa di Gerbaldi vuole vincere. Un derby marchigiano pieno zeppo di ex: Pippi Moscatelli, gloria passata degli Angels, oggi è sulla barricata dorica, mentre tutto il coaching staff pesarese ha vestito la maglia dei Dolphins. Naturale, quindi, che le motivazioni nel preparare questa partita siano al top: “I Dolphins sono una società di grande tradizione che appena una settimana fa ha festeggiato i suoi 35 anni di storia ininterrotta e meritano il nostro rispetto – dice il presidente Frank Fabbri -. Detto questo, noi vogliamo portare a casa questa partita, soprattutto pensando all’andata dove abbiamo offerto la nostra peggior prestazione. La Fidaf ci dà la possibilità di rigiocare il derby, vogliamo il riscatto”.

Mancheranno purtroppo sia Spada che Gualandi, due ricevitori capaci di fare la differenza, ma dopo il blitz sul campo dei Giaguari la fiducia è rinata sull’asse GermanyFrazzetto. Ed è su di loro, le punte di una squadra che adesso crede in se stessa, che si fondano molte delle speranze di portare a casa questo derby.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi